IL CIV SBK VUOLE RIPARTIRE !

IL CIV SBK VUOLE RIPARTIRE !

Marco Barnabò manager del Barni Racing Team spiega la lettera inviata alla FMI e firmata dai team manager di undici squadre per affrontare la crisi:

 “Grande unità di intenti, dobbiamo salvaguardare il lavoro di un intero settore”

Regolamento 2019 congelato e nuova gestione degli pneumatici, riduzione dei chilometri di test e prezzo della benzina calmierato, oltre a un monitoraggio costante della salute dei componenti del team. Sono questi i cinque punti cardine della proposta che undici team manager del campionato italiano velocità classe Superbike – tra cui Marco Barnabò –  hanno inviato alla Federazione Motociclistica Italiana per affrontare la situazione di crisi che anche il settore del motorsport dovrà fronteggiare nei prossimi mesi.

I team manager hanno deciso di parlare con una voce sola e per questo hanno costituito un comitato che si è fatto promotore di richieste e proposte. L’obiettivo è quello di avviare un dialogo costruttivo con l’organizzazione del CIV e lavorare tutti insieme per salvaguardare quanto più possibile il regolare svolgimento delle gare.

In ballo non c’è solo la stagione 2020, ma i team sono uniti nell’esigenza di tutelare il futuro del proprio lavoro e quello di tutto il comparto: meccanici, fornitori, addetti alla ristorazione e alla logistica e il resto dell’indotto creato dal movimento.

LA TUTELA DELLA SALUTE AL PRIMO POSTO

Monitoraggio giornaliero della temperatura dei componenti del team durante il weekend di gara, test sierologici e uso dei dispositivi di protezione individuale come da linee guida del Ministero della Salute. Con questa proposta il comitato mette al primo posto la salvaguardia della salute dell’intero paddock e si rende disponibile a intraprendere ogni inizitiva  imposta dalle nuove necessità.

LE PROPOSTE DI MODIFICA AL REGOLAMENTO, OBIETTIVO: CONTENERE I COSTI

Il cuore della proposta, articolata sotto forma di questionario, riguarda le modifiche al regolamento. Il comitato chiede all’unanimità di congelare il regolamento al 2019, rimandando al 2021 ogni sperimentazione. Questo consentirebbe di riutilizzare i componenti per due anni e garantirebbe un notevole risparmio. Il team manager sono compatti anche nella proposta di un nuovo modello di gestione degli pneumatici: tutti d’accordo nell’eliminare la gomma da qualifica, mentre sul tavolo è stata messa la proposta di utilizzare il “modello mondiale Superbike” con il pacchetto gomme inserito nei costi dell’iscrizione al campionato.

Le altre proposte riguardano il limite da imporre per i chilometri tra test pre weekend del giovedì e sessioni private e il prezzo della benzina.

Marco Barnabò :

 “Sono stato uno dei promotori di questa iniziativa e sono veramente soddisfatto del lavoro fatto insieme ai miei colleghi. C’è stata grande disponibilità da parte di tutti e ognuno di noi è pronto a fare sacrifici in nome dell’interesse comune. La mia speranza è che a fine giugno si possa scendere di nuovo in pista. In questo momento era importante per i team avviare un dialogo e una collaborazione con la Federazione per portare le nostre proposte ed essere pronti quando tornare a correre sarà possibile. Parlare con una voce sola e farlo con un comitato che raccoglie undici squadre, pronte a schierare 18 piloti sulla griglia, ci consente di rappresentare al meglio le nostre esigenze. Non dimentichiamoci che il CIV per molte persone e per le loro famiglie non è solo uno sport, ma un vero lavoro e una fonte di reddito, senza contare le aziende che lavorano quasi esclusivamente con il motorsport. È per questo che siamo impegnati in prima fila per trovare soluzioni che rispettino le regole, tutelino la salute, ma che ci permettano anche di non perdere la stagione. Se troviamo una soluzione il CIV potrebbe diventare il modello da seguire anche per altri campionati nazionali e internazionali”.

Condividi su: