LO STRANIERO DEL KAWASAKI GP PROJECT

 

LO STRANIERO DEL KAWASAKI GP PROJECT

Il giovanissimo Johan Gimbert va a completare la squadra diretta da Alessio Altai, affiancherà il confermato Bruno Ieraci e i nuovi acquisti Kevin Sabatucci e Leonardo Carnevali, il quasi quindicenne francese figlio d’arte, esordirà in sella alla Kawasaki Ninja 400 nel Campionato Mondiale Supersport 300. L’accordo con Gimbert è biennale allo scopo di far crescere in modo graduale il giovane talento d’oltralpe, che non per caso ha scelto un team di riferimento della classe iridata come il GP Project.

Alessio Altai: “Sono molto soddisfatto nell’annunciare l’accordo con Johan Gimbert per le prossime due stagioni nel Mondiale Supersport 300. Per noi è motivo di soddisfazione avere la possibilità di far esordire un giovanissimo come Johan nella massima competizione mondiale, poterlo fare con un accordo a lungo termine rende il lavoro ancora più interessante e stimolante. Seguiamo Johan da tempo, nel corso dell’ultima stagione in Spagna ha dimostrato di essere in grado di guidare già ad un ottimo livello nonostante la giovanissima età ed ha un ottimo potenziale su cui lavorare. Siamo convinti di poter crescere passo dopo passo fino ad arrivare ad esprimere il massimo, motivo per cui lavoreremo già dai primi test per farci trovare pronti per il primo round a Jerez, pista che Johan già conosce e su cui dovrà solamente concentrarsi nell’ambientarsi nel nuovo mondo della SBK. Sono contento, siamo contenti, e non vediamo l’ora di scendere in pista!”

Johan Gimbert: “Sono molto contento di poter esordire nel Mondiale SBK nella categoria Supersport 300 e di poterlo fare con il Kawasaki GP Project, perché so che è un ottimo team, ha tanta esperienza ed un ottimo staff e quindi dovrò essere all’altezza. Mi sto allenando molto in questo periodo, con il mio preparatore atletico per migliorare sulla moto, facendo tanta bicicletta, lavoro muscolare e crossfit, che sono punti fondamentali nella preparazione di un pilota. Il mio obiettivo in questa stagione sarà differente tra le piste che conosco e quelle che vedrò per la prima volta, ma sui tracciati in cui ho già avuto modo di guidare vorrei puntare ad avvicinarmi alla top 10, mentre punterò a fare del mio meglio nelle piste che dovrò conoscere da zero. Non mi sento alcuna pressione addosso, questa per me sarà una bella sfida e non vedo l’ora di iniziare!”

Condividi su: