PAOLO PER AFRIDZA MUNANDAR

  PAOLO PER AFRIDZA MUNANDAR             

 Malesia…ultimo sforzo della trasferta. potrei raccontarvi i i tanti aneddoti su Sepang 2019 come La prestazione lodevole  di un superlativo Antonelli che ha chiuso decimo una bellissima gara anche con la clavicola rotta. O dell’ ennesimo incidente di un’ incolpevole Tatsuki buttato a terra da Rodrigo, ma è stato tutto annebbiato in un secondo. Un secondo… gli incidenti spesso si consumano in un tempo brevissimo e cambiano la vita di un un sacco di persone.

 Una volta un santone mi disse che la Malesia é il posto più spirituale del mondo ma se spirituale significa avvicinarci alla vita eterna, allora vale la pena cambiare circuito nonostante sia uno tra i più belli del mondo.

 Questo incidente mi fa riflettere,  era giugno 2016, quando dopo la morte di Salom, Beltramo scrisse un articolo struggente e superbo che finiva con “speriamo che sia tra tanti tantissimi anni ma un giorno, ci troveremo ancora in un paddock muto, con gli occhi lucidi, col dolore nel cuore a piangere un altro ragazzo che correva il suo sogno”. Quel giorno é arrivato. 03 novembre 2019 Il destino bastardo a distanza di tre anni è tornato a presentarci il conto, a riscuotere la sua tassa prendendosi Afridza Munandar giovane promessa Indonesiana. Non credo che ci sia una teoria giusta o sbagliata su quanto accaduto, semplicemente io ho la mia. Ho immaginato come sarebbe riavere marco indietro, oggi, L’ assurda possibilità che ce lo restituiscano dopo otto anni. Senza cambiare nulla del dopo, la Fondazione, la Squadra Corse… con tutto il dolore e le cose buone. Io sono convinto che tornerebbe a correre. “Ciao bá dove é il mio casco?” risalirebbe ancora in sella, con la stessa convinzione del 2011 di spaccare il culo a tutti, forse un po’ di più. Solo per regalarci sorpassi mozzafiato possibilmente all’ esterno, per strapparci un altro applauso, solo per farci sognare ancora. Per dimostrare che le cose belle esistono basta non smettere di crederci.

 Oggi a Sepang abbiamo pagato un altro caro prezzo, forse quel santone per spirituale intendeva circuito stregato, per quanti mondiali ha regalato e per quanti ne ha tolti.

Condividi su: