TEAM FEDERAL OIL GRESINI A DUE PUNTE

TEAM FEDERAL OIL GRESINI A DUE PUNTE

Presentazione in diretta streaming, per la squadra romagnola che affronterà il Mondiale Moto 2 con Fabio Di Giannantonio e Nicolò Bulega, grande la mancanza del patron Fausto Gresini che purtroppo sta ancora lottando con i danni fisici causati dal covid, per lui unanime è stato l’incoraggiamento a non mollare, per tornare al più presto alle redini della sua grande squadra.

Nel rinnovato team Moto 2 che ha visto l’arrivo di  due nuovi capo Tecnici (Donatello Giovanotti per Bulega e Marco Urani per Di Giannantonio, i due giovani piloti sono chiamati ad essere da subito protagonisti, per Bulega sarà l’anno della consacrazione nella categoria anticamera della Moto GP, dopo una stagione dove è mancato in continuità di risultati. Il figliol prodigo Fabio Di Giannantonio che con il Team Gresini aveva debuttato nel Mondiale Moto3, è reduce da una stagione in crescita dove ha conquistato dei podi e punta senza mezzi termini alla conquista del titolo.

FABIO DI GIANNANTONIO

“Ovviamente non vedo l’ora di provare la Kalex, già che l’ultimo test del 2020 me lo sono perso per un piccolo infortunio. L’inverno è andato bene perché il ginocchio è recuperato e io mi sento quasi al 100%. C’è da fare uno step rispetto allo scorso anno il che vuol dire essere protagonista ad ogni gara e giocarmi podio e vittorie…I ragazzi del team stanno lavorando duramente e sono carichissimo. Ancora non ho un nome per la mia nuova moto, ma presto vi sarò sapere… Prima la devo provare. Dobbiamo tutti fare un grande lavoro per noi e per Fausto, non molla lui e so che tornerà più tosto di prima”.

NICOLÓ BULEGA

“È stata una presentazione un po’ particolare e dobbiamo ancora abituarci a questa nuova realtà… Siamo carichi mentalmente e abbiamo lavorato duramente durante l’inverno con la mia nuova squadra: l’obiettivo sarà trovare costanza di rendimento, cosa che ci è mancata parecchio nel 2020 e sono convinto che possiamo divertirci e fare bene. Mi sto allenando bene, mi sto riprendendo ancora dall’infortunio alla spalla, ma va tutto secondo i piani e sono molto soddisfatto dei progressi fisici. Un pensiero anche a Fausto, io non so cosa deve provare e aver provato, ma non dev’essere affatto facile e l’unica cosa che posso fare da parte mia è mandargli più energia positiva possibile”.

Condividi su: