UNA SABRY STREPITOSA A VALLELUNGA

UNA SABRY STREPITOSA A VALLELUNGA

Finale di stagione col botto per Sabrina Della Manna nella Women’s European Cup, la portacolori del Gradara Corse vincendo ha interrotto il dominio della campionessa spagnola Beatriz Nella Santos, conquistando anche il secondo posto in campionato .

Il racconto di Sabrina :

E‘ stata la gara più difficile e divertente che abbia mai disputato, sono arrivata a Vallelunga motivata e carica al massimo, consapevole di non aver altra alternativa al di fuori della vittoria. 

Per tutto il venerdì ha piovuto, di conseguenza il primo turno di libere è saltato, mentre i due turni successivi  li abbiamo disputati sul bagnato, nonostante le condizioni tutt’altro che favorevoli mi sono sentita subito a mio agio, anche grazie al lavoro del mio team che mi ha settato al meglio la moto, non per nulla sono stata da subito la più veloce. I due turni di qualifica del sabato sono stati estremamente emozionanti perché in Q1 ci siamo trovati con la pista nella peggiore condizione, ne asciutta ne bagnata, tanto che fino all’ultimo minuto non sapevamo se montare gomme rain o meno. 

Nel primo turno il mio team ha fatto la differenza, mi hanno montato gomme da bagnato con le quali ho girato fino a 5 minuti dalla fine, quando vedendo che avevo circa 6 secondi di vantaggio dalla seconda mi hanno richiamato al box, per aspettare cosa sarebbe accaduto, in quanto la pista si stava asciugando. Infatti, in quel momento, i piloti che avevano optato per gomme da asciutto mi stavano riprendendo, quindi Carlo, il capo team, ha preso velocemente la decisione di montare le gomme da asciutto, e farmi rientrare a soli 3 minuti dalla bandiera a scacchi, tanto che sono riuscita a fare un solo giro utile nel quale ho potuto mantenere la Pole. In Q2 con gomme da asciutto ma alle ore 18,00 ci siamo trovate a girare su asfalto freddo e quasi al buio , in quel frangente ho dovuto per forza tentare il tutto per tutto, osando oltre il mio limite perché sapevo che le mie avversarie non mi avrebbero fatto sconti. A fine Q1 mi sono trovata con la tanto desiderata Pole Position che aspettavo da sempre, con 1 secondo abbondante dalla seconda e addirittura un secondo e mezzo dalla terza, e fino lì metà del mio sogno era realizzato.”

“Domenica finalmente è arrivato il giorno della gara…. Sono rimasta molto concentrata fino allo spegnimento del semaforo dove ho scaricato tutto quello che dovevo. Purtroppo la partenza non è stata il massimo, tanto che alla fine del rettilineo ero seconda, ma non potevo permettere che la Neila, pilota spagnola, imponesse il passo gara, quindi ho deciso da subito di togliere il disturbo e sorpassarla al curvone. Per tutta la gara, tiratissima, e stato un susseguirsi di tentativi di sorpassi da parte delle mie rivali, prima una poi l’altra , tutte cercavano uno spazio dove farlo, e per la maggior parte i tentativi erano alla curva dei Cimini, dove io con molta fatica e rischio regolarmente chiudevo la traiettoria. 

E’ stata la gara più bella in assoluto che ho mai disputato, anche perché Pole Position e Vittoria finale è il massimo che un pilota può conquistare….. 

In tutto questo il merito è in piccola parte il mio, molto è da attribuire in primis ad uno strepitoso Gradara Corse Racing Team, che mi ha sostenuto dal primo momento, e mi ha incoraggiato quando mi sono fratturata la spalla a due mesi dalla prima gara del Mugello, spronandomi a non mollare mai. Devo tanto anche al mio grande meccanico Filo, che qualche volta ho anche maltrattato, ma è sempre stato li con me, ed in fine ai miei “grandiosi” sponsor che da sempre mi sostengono….. 

GRAZIE A TUTTI VOI per questo grande sogno che mi avete regalato.”

Condividi su: