“URBISAGLIA EXPRESS” A PUNTI IN GARA 2 A MISANO

“URBISAGLIA EXPRESS” A PUNTI IN GARA 2 A MISANO

Stefano Cruciani dopo la caduta del sabato è riuscito a concludere al 12esimo posto la seconda prova del Campionato Italiano Velocità classe Supersport 600. Un bottino per “Urbisaglia Express” magro, considerando il grande potenziale di uno specialista della categoria come lui.

GARA 1 Con il 10° tempo nelle qualifiche, Cruciani scatta in quarta fila e grazie a una partenza da manuale prende subito la scia dei primi, infilandosi al quinto posto dopo la bagarre del via. Peccato che la sua gara duri appena due giri. Una caduta lo costringe a dare forfait quasi subito facendo sfumare un possibile podio. Difficoltosa, invece, la prova di Elia Mengoni (24°), ancora alla ricerca della migliore condizione psicologica in seguito al grave infortunio della stagione scorsa.

GARA 2 Nonostante lo “zero”, la sensazione di essere all’altezza dei migliori non viene meno, e i tempi del warm up lo certificano. In Gara 2, però, Cruciani è nuovamente vittima di una scivolata dopo soli tre giri. Ma non tutto è perduto. Il pilota marchigiano rimane in sella, torna in gara e può approfittare dello stop della corsa in regime di bandiera rossa. Con la moto rimessa in sesto in fretta e furia dai tecnici, Cruciani inizia la sua rimonta (era trentunesimo) a partire dal quick-restart, risalendo fino alla tredicesima posizione e guadagnando poi un’altra piazza a tavolino per l’esclusione di Canducci. Non arriva al traguardo, invece, Elia Mengoni, fermato da un problema tecnico.

IL TEAM AL COMPLETO

Stefano Renzi, Team Manager: Siamo rammaricati per il risultato. Cruciani ha molta voglia di riscatto, noi pure, ma non è andata come ci aspettavamo. Nonostante ciò va fatto un elogio ai tecnici, che in Gara 2 ci hanno permesso di tornare in gioco mettendo a posto per la ripartenza. Poi Cruciani ha fatto una bellissima rimonta. La caduta non doveva succedere, soprattutto quella di Gara 1. Quanto a Mengoni, ci sono delle condizioni psicofisiche ancora da sistemare. Mancano dieci gare: dobbiamo concretizzare. Lavoreremo sodo per recuperare il gap in classifica”.

Stefano Cruciani : Abbiamo dimostrato di essere competitivi ma abbiamo raccolto poco o nulla. Peccato. Mi dispiace per la squadra, che ha lavorato molto. Abbiamo ancora dieci gare: non è finito tutto. E’ comunque un week-end che ci ha insegnato qualcosa. Ho fatto due scivolate stupide, voglio capire con la squadra cosa è successo.”  

Elia Mengoni : Week-end di gara tosto. Sapevo che il ritmo sarebbe stato alto, ma immaginavo meno. In questo momento lotto con i mostri che ho nella testa. Fisicamente ci sono, psicologicamente devo recuperare. C’è bisogno di tempo. Per il risultato sono molto deluso.”

Condividi su: